annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Luoghi mitici del vecchio Sanremo....di nuovo!

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #16
    Non mi mettere in mente quei nomi li che mi vengono le lacrime agli occhi

    Commenta


    • #17
      Originariamente inviato da kase99 Visualizza il messaggio

      Si in un ipotetico arrivo finale nella cittÃ* di Siena la Power stage potrebbe essere sia il tratto di Radi ma anche il tratto di Asciano dove qualche anno fa effettuò i test la Citroen e anche e credo la più suggestiva nonché la prova più bella in assoluto... le Sante Marie
      Partenza a Roma con prova spettacolo al giovedì sera.
      Venerdì Roma - Siena con Radicofani, San Casciano, Pieve a Salti e Montalcino, PA verso Siena e secondo giro.
      Sabato Siena - Siena con remote a Volterra
      Domenica come abbiamo scritto qualche messaggio sopra.

      Ecco fatto. La accendiamo?

      Commenta


      • #18
        Io l'accenderei subito

        E secondo me farebbe anche tanti iscritti

        Commenta


        • #19
          Originariamente inviato da Nando84 Visualizza il messaggio
          Io l'accenderei subito

          E secondo me farebbe anche tanti iscritti

          Roma Capitale 2017 ERC
          Tuscan Rewind TER 2017
          Rally d'Italia Sardegna rinnovato per adesso solo due anni fino al 2018

          Nessuna illusione, ma qualche sogno nel pieno della notte è concesso farlo.

          Commenta


          • #20
            Certo certo,sono il primo a sognare tutto cio'

            Fermo restando che il Sardegna e' davvero un bel rally,un rally in Toscana sarebbe tanta roba qualora un giorno il rally d'italia non sara' piu' in Sardegna

            Commenta


            • #21
              Originariamente inviato da Nando84 Visualizza il messaggio
              Certo certo,sono il primo a sognare tutto cio'

              Fermo restando che il Sardegna e' davvero un bel rally,un rally in Toscana sarebbe tanta roba qualora un giorno il rally d'italia non sara' piu' in Sardegna
              La Toscana è il suo posto naturale.
              Ultima modifica di Ritornodifiamma; 25-01-2017, 20:03.

              Commenta


              • #22
                E si,ci sarebbe anche un'invasione di pubblico oltre che ad un bel numero d'iscritti

                Commenta


                • #23
                  Con un leggero off topic...lancio le PS asfalto"MONUMENTO" del vecchio s.remo tutt'ora calcate dal CIR...VIGNAI LANGAN REZZO VILLE BAJARDO RONDE...q.cuno sa di cosa sto parlando?

                  Commenta


                  • #24
                    petizione per far tornare il rally mondiale in toscana.....SUBITOOOO

                    Commenta


                    • #25
                      Non è il WRC che non vuol tornare in Toscana - Umbria - Marche...ma sono le regioni che non lo vogliono.

                      Okay per la petizione, ma va presentata alle regioni

                      Commenta


                      • #26
                        Originariamente inviato da Baffo Visualizza il messaggio
                        Non è il WRC che non vuol tornare in Toscana - Umbria - Marche...ma sono le regioni che non lo vogliono.

                        Okay per la petizione, ma va presentata alle regioni
                        Giusto, dovrebbero essere in primis le regioni i maggiori finanziatori come avviene per la regione Sardegna, ma fondamentalmente se ci pensate bene che interesse può avere la regione Toscana a finanziare un evento che a livello di media ha quasi visibilità zero, oltre a WRC All live e alcune dirette trasmesse su canali a pagamento, praticamente non ne parla mai nessuno, poi ipoteticamente in Toscana andrebbe ad interessare un area (quella della val d'Arbia e val d'orcia e del Chianti) che non necessita di grande promozione turistica visto che ogni anno l'affluenza turistica è sempre in crescendo.

                        Di certo e parlo per la Toscana le strade bianche non mancano, nonostante che con il passare degli anni e il progredire dell'asfalto ha tolto si alcuni passaggi storici ma non ha nemmeno sfiorato molti altri luoghi magici.

                        Commenta


                        • #27
                          Originariamente inviato da kase99 Visualizza il messaggio

                          Giusto, dovrebbero essere in primis le regioni i maggiori finanziatori come avviene per la regione Sardegna, ma fondamentalmente se ci pensate bene che interesse può avere la regione Toscana a finanziare un evento che a livello di media ha quasi visibilità zero, oltre a WRC All live e alcune dirette trasmesse su canali a pagamento, praticamente non ne parla mai nessuno, poi ipoteticamente in Toscana andrebbe ad interessare un area (quella della val d'Arbia e val d'orcia e del Chianti) che non necessita di grande promozione turistica visto che ogni anno l'affluenza turistica è sempre in crescendo.

                          Di certo e parlo per la Toscana le strade bianche non mancano, nonostante che con il passare degli anni e il progredire dell'asfalto ha tolto si alcuni passaggi storici ma non ha nemmeno sfiorato molti altri luoghi magici.
                          Concordo con quello che dici Kase....vorrei aggiungerei un mio umile pensiero....le tv a a pagamento hanno dato il colpo di grazia a livello visibilità alla disciplina....ma in origine fu la federazione...che cominciò a volere i diritti televisivi sui Rally...purtroppo i rally adesso vengono seguiti pochissimo...

                          Commenta


                          • #28
                            Originariamente inviato da chitangifrt Visualizza il messaggio

                            ...le tv a a pagamento hanno dato il colpo di grazia a livello visibilità alla disciplina....ma in origine fu la federazione...che cominciò a volere i diritti televisivi sui Rally...purtroppo i rally adesso vengono seguiti pochissimo...

                            Io non sono d'accordo. Io sono stato recentemente in Spagna, Portogallo, Galles, Francia (lasciando stare Svezia e Finlandia perché sarebbe troppo scontato) e durante le tappe del wrc ci sono sempre stati servizi nelle tv locali NAZIONALI (leggasi equivalente Rai) lunghi almeno mezz'ora, speciali, rubriche e quant'altro, in orari consoni (pranzo, cena ecc.).
                            Quest'anno ero in Spagna ed ho assistito ad un telegiornale in cui prima hanno fatto lo speciale del WRC spagnolo e poi hanno parlato del match Real - Barcellona..tanto per far capire.

                            E' l'Italia che gira così. Quando c'era Tomba erano tutti sciatori, quando c'era la Lancia i rally erano in tv, l'Alfa nel Gran Turismo ha fatto conoscere Larini & Co....aspettate di vedere quando va in pensione Valentino Rossi e poi riparliamo del MotoGP.
                            Da noi i rally sembrano in decadenza ma non è una condizione generale, è solo, soltanto e volutamente NAZIONALE.

                            La Toscana di 40 anni fa era la Sardegna di oggi...negli anni 80 le amministrazioni toscane scrivevano all'organizzazione per INVITARLA a disegnare prove speciali che interessassero anche le proprie località. Adesso scriverebbero con lo stesso impegno, ma per PROTESTARE contro manifestazioni DANNOSE per il turismo locale.

                            E secondo voi, un Promoter del "pacchetto WRC" dovrebbe andare a promuovere uno sport motoristico, in una zona dove viene sentito come "danno", "scomodità" ecc. ecc. ?

                            mmmmm credo di no!
                            Ultima modifica di Baffo; 09-01-2019, 10:22.

                            Commenta


                            • #29
                              confermo anche riguardo al portogallo, la domenica a ora di pranzo trasmettevano la power stage in diretta in un ristorante molto grande di porto.

                              Commenta


                              • #30
                                Originariamente inviato da Baffo Visualizza il messaggio


                                Io non sono d'accordo. Io sono stato recentemente in Spagna, Portogallo, Galles, Francia (lasciando stare Svezia e Finlandia perché sarebbe troppo scontato) e durante le tappe del wrc ci sono sempre stati servizi nelle tv locali NAZIONALI (leggasi equivalente Rai) lunghi almeno mezz'ora, speciali, rubriche e quant'altro, in orari consoni (pranzo, cena ecc.).
                                Quest'anno ero in Spagna ed ho assistito ad un telegiornale in cui prima hanno fatto lo speciale del WRC spagnolo e poi hanno parlato del match Real - Barcellona..tanto per far capire.

                                E' l'Italia che gira così. Quando c'era Tomba erano tutti sciatori, quando c'era la Lancia i rally erano in tv, l'Alfa nel Gran Turismo ha fatto conoscere Larini & Co....aspettate di vedere quando va in pensione Valentino Rossi e poi riparliamo del MotoGP.
                                Da noi i rally sembrano in decadenza ma non è una condizione generale, è solo, soltanto e volutamente NAZIONALE.

                                La Toscana di 40 anni fa era la Sardegna di oggi...negli anni 80 le amministrazioni toscane scrivevano all'organizzazione per INVITARLA a disegnare prove speciali che interessassero anche le proprie località. Adesso scriverebbero con lo stesso impegno, ma per PROTESTARE contro manifestazioni DANNOSE per il turismo locale.

                                E secondo voi, un Promoter del "pacchetto WRC" dovrebbe andare a promuovere uno sport motoristico, in una zona dove viene sentito come "danno", "scomodità" ecc. ecc. ?

                                mmmmm credo di no!
                                Oltre alla “scomodità” c'è anche il fatto che i rally non portano quell’introiti che invece generano altre competizioni sportive come ad esempio il calcio o la F1 o anche il ciclismo(ricordo ancora i mondiali del 2013 che portarono parecchie entrate a tutti i vari enti locali che furono coinvolti)

                                Come hai detto giustamente non essendoci più una casa come negli anni d’oro del gruppo Fiat/Lancia o un pilota da titolo come potevano essere un Munari o un Biasion che facevano da traino per l’interesse nazionale,non ci sono quelli interessi che potevano far invogliare investitori che a loro volta potevano far guadagnare la regione

                                E visto che all’orizzonte non c'è un possibile ingresso di una casa italiana e anche a livello di piloti al momento la situazione è sul nebuloso beh,credo che la Toscana non sia assolutamente una soluzione plausibile come futuro rally d’Italia

                                Ma neppure come singola tappa per un ipotetico rally di Roma come gara del wrc

                                Commenta

                                Sto operando...
                                X