Back to Top

Elenco Iscritti

iscrittiDirimato l'elenco iscritti alla manifestazione (lo potete consultare cliccando direttamente qui ): come già trapelato nei giorni scorsi, si tratta di un elenco veramente importante, anche numericamente in maniera assoluta, senza considerare che si tratta di una gara "su terra" dove solitamente il numero degli equipaggi iscritti è minore delle gare su fondo asfaltato.

67 equipaggi iscritti al rally moderno, 23 a quello storico e 5 "all stars" (la categoria di vetture di particolare interesse storico" che faranno bella mostra di sè lungo il percorso della gara), per un totale di 95 iscritti.

Ci saranno naturalmente i principali "attori" del Raceday"fra cui l'attuale leader Andrea Smiderle, con l'unica WRC (Fiesta) iscritta. Dieci le vetture di classe R5 presenti nell'elenco iscritti: Christian Marchioro, Tullio Versace, Francesco Fanari, Luciano Cobbe, Nicolò Marchioro, Piero Longhi, Aliosa Novak e Dario Scapin con le Skoda Fabia, Massimo Squarcialupi con la Fiesta e Giacomo Costenaro con la Citroen C3.

Fra le autostoriche spiccano i nomi di Simone Romagna e Alberto Battistolli con le Lancia Delta Integrale.

Questo naturalmente solo per citare i primi nomi dell'elenco, che vale la pena, come sempre, sfogliare fino in fondo.

La partecipazione di Piero Longhi

piero ricognizioniAbbiamo "intercettato" Piero Longhi durante la prima giornata di ricognizioni prevista (domenica 10 marzo), queste le sue prime impressioni al termine della prova "S.Marie": 

"Abbiamo provato con Gianmaria a fare le note con dal video della “Corolla” ma si sentono male e abbiamo preferito comunque rifarle: la prova è molto bella e molto impegnativa con tutti questi dossi.

Dopo qualche anno di “rally circuit” ci era venuta voglia di un rally vero, però sulla terra, visto che sono otto anno che non corro su questo fondo. Abbiamo pensato subito a questa gara perché è bella, organizzata bene, due prove le conosco (la Santissime Marie e Alpe di Poti) perché le ho già corse; mi sempre bello, siamo sulla terra, molto divertente e soprattutto con una vettura r5 che ho appena usato al rally circuit di Pavia dove ho visto che la macchina va molto forte e sono convinto che con le nuove sospensioni sulla terra sarà bellissima da guidare."

Programma dettagliato della gara

programmaLa logistica quest'anno prevede il Centro Direrzionale del Rally (HQ) psto all'Hotel Continentale di Arezzo ed il Parco Assistenza alla Stadio di Arezzo.

Venerdì 15 marzo

Dalle 18:30 alle 22:30, al parco assistenza, sono previste le Verifiche Sportive e Tecniche per i concorrenti che parteciperanno allo shakedown dell'indomani

Sabato 16 marzo

Dalle 7:30 alle 10:30, al parco assistenze, Verifiche Sportive e Tecniche per i concorrenti che non parteciperanno allo shakedown
Dalle 8:30 alle 11:30 Shakedown ad Asciano su un tratto di 2,3 km

Alle 14:30 Partenza della gara, in Corso Matteotti ad Asciano
15:14 ps.1 "Monte S.Marie" di 10,96 km 
15:49 - 16:39 Riordino di 50 minuti allo Stadio di Asciano

17:29 ps.2 "Monte S.Marie" di 10,96 km 
18:42 - 19:12 Parco Assistenza di 30 minuti allo Stadio di Arezzo
19:30 Ingresso al riordino notturno, ad Arezzo in Piazza Grande

Domenica 17 marzo

7:45 Uscita dal riordino notturno
7:53 - 8:08 Parco Assistenza di 15 minuti

8:35 ps.3 "Alpe di Poti" di 12,06 km
9:14 ps.4 "La Battaglia di Anghiari" di 6,15 km
9:48 ps.5 "Cerbaiolo" di 7,46 km
10:39 - 10:59 Riordino di 20 minuti ad Anghiari
11:38 - 12:08 Parco Assistenza di 30 minuti

12:35 ps.6 "Alpe di Poti" di 12,06 km
13:14 ps.7 "La Battaglia di Anghiari" di 6,15 km
13:48 ps.8 "Cerbaiolo" di 7,46 km
14:39 - 14:59 Riordino di 20 minuti ad Anghiari
15:38 - 16:08 Parco Assistenza di 30 minuti

16:35 ps.9 "Alpe di Poti" di 6,56 km
17:21 - 17:31 Riordino di 10 minuti allo Stadio di Arezzo

17:45 Arrivo Piazza Sant'Agostino ad Arezzo

 

Il Rally storico si svolgerà sullo stesso percorso tranne l'ultimo passaggio di sabato su Alpe di Poti: arrivo presto alle 16:25 sul podio di Arezzo

Validità della gara

logo racedayIl Rally Città di Arezzo - Crete Senesi e Valtiberina (lasciateci da ora abbravierlo in Valtiberina ...) è un rally nazionale ed è il quarto dei cinque appuntamenti previsti della prestigiosa serie "Raceday Rally Terra" che come sempre si corre a cavallo dell'anno (la serie 2018 - 2019 si concluderà con il Liburna Terra degli inizi di aprile).

La classifica assoluta della serie vede Andrea Smiderle al comando con 42 punti, davanti a Jacopo Trevisani (40) e Christian Marchioro (35).

Il Rally Valtiberina ha anche una validità come rally storico, nel "2° Rally Storico Città di Arezzo - Crete Senesi e Valtiberina"

13° Rally di Arezzo - Crete Senesi e Valtiberina

logo valtiberinaCambio di denominazione importante per il 13° Rally Città di Arezzo – Crete Senesi e Valtiberina. Insieme ad Arezzo ed Anghiari, sulla targa della gara compaiono altri due luoghi “storici” del Rallysmo tricolore: Asciano e Pieve Santo Stefano.

Se per Pieve Santo Stefano si parla di ritorno al passato, in quanto già protagonista di edizioni precedenti, Asciano è la grande novità dell’edizione 2019. La città in provincia di Siena sarà la sede, sabato 16 Marzo di Shakedown, partenza della prima tappa e di un riordino tra i due passaggi della storica prova speciale di “Monte Sante Marie” già palcoscenico del Sanremo Mondiale.

Arezzo, principale sede logistica della manifestazione ospiterà le verifiche, venerdì 15, il riordino notturno nella splendida cornice di Piazza Grande la sera di sabato, il parco assistenza di domenica 17 e l’arrivo finale nella centralissima Piazza Sant’Agostino.

Oltre alla validità per il fortunato Challenge Raceday Rally Terra per le vetture moderne, del quale sarà il quarto e penultimo appuntamento, il Rally Città di Arezzo – Crete Senesi e Valtiberina nella sua versione “storica” terrà a battesimo il neonato Campionato Italiano Rally per auto storiche su terra, il “Trofeo Terra Rally Storici”.

Nove le prove speciali (4 diverse ripetute due volte oltre alla “Power Stage” conclusiva) , per un totale di 80 km cronometrati sui quasi 450 km totali del percorso. Oltre alla già citata “Monte S. Marie”, immancabile la storica “Alpe di Poti” con partenza alle porte di Arezzo, seguita da “La Battaglia di Anghiari” introdotta nel 2018 e la “Cerbaiolo”, sopra Pieve S. Stefano, teatro delle sfide delle prime edizioni della gara.

Appuntamento al 15-17 Marzo per scoprire chi andrà ad aggiungere il proprio nome ad un albo d’oro di sapore “Tricolore” e “Mondiale”, che comprende tra gli altri il neozelandese Hayden Paddon (vincitore nel 2012 con Fabrizia Pons) e la coppià più titolata d’Italia, Paolo Andreucci ed Anna Andreussi, primi al traguardo nel 2008.

Pagina 4 di 4