Back to Top

WRC - La Turchia verso la rinuncia

I motivi del cambio programma non riguarderebbero l'emergenza sanitaria

Se appena pochi giorni fa, dopo una lunga attesa, la FIA aveva diramato il calendario di un campionato 2020 reso monco dall'uscita di scena di diverse prove extraeuropee per le note problematiche conseguenti all'allarme Covid-19, ora starebbe per arrivare un colpo a sorpresa. Secondo quanto diffuso dal sito DirtFish il Rally di Turchia, sulla carta in programma dal 24 al 27 settembre, sarebbe a rischio.

Questa volta però, non per ragioni legate alla diffusione del Coronavirus, bensì economiche.

Al momento gli organizzatori dell'evento con base a Marmaris starebbero comunque lavorando per rendere possibile la competizione, la seconda della ripresa dopo il debutto in Estonia, ma nulla sarebbe stato ancora definito.

Tappa fissa del mondiale dal 2003 al 2006 e quindi nel 2008 e nel 2010, la gara turca, storicamente finanziata dal governo locale, non avrebbe neppurerinnovato con il promoter del WRC per il 2021.

Lo stesso sito internet legato alla prova sarebbe rimasto fermo alla scorsa edizione, quella del rientro sul palcoscenico iridato, e nonostante al via manchino soltanto due mesi non sarebbe stata ancora pubblicata la Guida al Rally 1.

I responsabili della manifestazione su terra hanno tuttavia preferito non commentare la situazione attuale, né a proposito del futuro immediato, né tantomenodell'eventuale spostamento di data per lasciar spazio alla gara belga con sede a Ypres. 

PA RACING - Fantastica doppietta al Rally Città di...
RALLYLEGEND 2020 - Arrivano M-Sport e Michelin
 

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.rallylink.it/cms16/