Back to Top

WRC - Il Rally di Turchia sarà a porte chiuse

L'evento con base a Marmaris in programma dal 18 al 20 settembre si svolgerà senza spettatori

A causa dell'allarme Coronavirus di nuovo in fase di crescita e al clima d'incertezza che regna in Europa e nel mondo per la diffusione della pandemia, gli organizzatori del Rally di Turchia hanno preso la decisione più estrema per facilitare la gestione dei tifosi e limitare il più possibile i contatti.

Attraverso una nota pubblicata sul sito ufficiale della gara, il promoter ha confermatoquanto si vociferava nei giorni scorsi, ossia che l'evento non contemplerà la presenza dai fan in ottemperanza alle misure anti-Covid.

Dunque, per la prima volta dalla creazione del mondiale avvenuta nel 1973, un round del campionato iridato non vedrà nessuno incitare i piloti sulle speciali.

Diverso invece l'approccio adottato dall'Estonia, primo appuntamento del post-interruzione, fissato dal 4 al 6 settembre, che ha optato per l'ammissione di un massimo di 16.000 persone suddivise a loro volta in gruppi da 1000 così da evitare assembramenti. Sulla scia del Paese baltico anche la Sardegna sarebbe al lavoro col governo per scongiurare una manifestazione senza audience dal vivo, e lo stesso Belgio starebbe cercando di dare vita ad un protocollo speciale per la corsa che si snoderà sulle strade di Ypres il prossimo novembre. 

GR MOTORSPORT - Titano benevolo con Battilani/Manf...
NEW RACING FOR GENOVA - In quindici al Rally della...
 

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.rallylink.it/cms16/