Back to Top

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.rallylink.it/cms16/

WRC - La Nuova Zelanda vuole un accordo a lungo termine

Fuori dal calendario nel 2021 Auckland spera di poter diventare un appuntamento fisso

Se pur di rientrare nel campionato iridato in questa stagione la Nuova Zelanda ha dovuto accettare di rimettersi in gioco in tempi stretti,per il futuro il suo desiderio sarebbe di trasformarsi in una tappa classica. Come sostenuto dal responsabile della gara Michael Goldstein il governo si sarebbe mostrato disponibile ad offrire il proprio sostegno.

"Per quanto riguarda l'edizione 2022 ci sarà da discutere dei finanziamenti con i nostri sponsor ", ha dichiarato al sito DirtFish. " Senza certezze è difficileper un organizzatore, tuttavia stiamo spingendo al massimo per ottenere l'ok qualora non si riuscisse a spuntarla addirittura già per il 2021".

L'obiettivo dei vertici del New Zealand resta dunque convincere la Federazione a dare stabilità al programma.

"Ci piacerebbe prolungare l'alternanza con l'Australia per un periodo di otto o dieci anni",ha aggiunto rivelando una strategia interessata a garantire un vetrina prestigiosa all'Oceania,nonché ad agevolare il coinvolgimento dei patrocinatori, potenzialmente attratti da un piano sul lungo periodo.

In ogni caso la rotazione tra i due Paesi non sarebbe una novità assoluta, essendo stata adottata tra il 2009 e il 2012 grazie alla collaborazione congiunta con la Repco.

"All'epoca c'era un impegno di massima da parte del nostro partner governativo a coprire i costi per tre eventi spalmati ogni quattro/cinque anni", ha asserito il promoter ribadendo la necessità di maggior chiarezza sul da farsi. "Non si possono spendere tempo e sforzi per qualcosa che poi non si terrà. In teoria avremmo dovuto prepararci per il 2020, il 2024 e il 2028, ma il Covid-19 ha fatto saltare tutto, quindi la programmazione oggi è ancora più significativa".

"Noi siamo una piccola nazione dall'altro lato del mondo e potremmo non essere in grado di dare continuità. Ecco perché ritengo che un round ogni quattro anni potrebbe essere l'ideale", ha infine spiegato Goldstein. 

MOTORING CLUB - Mondo Disabili & Mondo Motori ques...
RUDY MICHELINI - Al via del C.I.R.A. su Volkswagen...