Back to Top

WRC - Ogier comincia a lavorare per il futuro

Il francese ha provato al simulatore una LMP1 in vista di un suo prossimo passaggio nell'endurance

Al via del mondiale 2021 malgrado i propositi di ritiro,Sébastien Ogier ha comunque cominciato a guardarsi attorno per capire cosa fare da grande. Così, in questo periodo di lontananza dalle competizioni, ha deciso di accettare la proposta della Toyota di sedersi al simulatore presente nella sede dalla Casa nipponica a Colonia e testare la TS050 LMP1 in caso una volta uscito dal WRC avesse la voglia e l'interesse di tuffarsi nell'avventura Le Mans.

"E' stata un'esperienza inedita e interessante", ha dichiarato in un video diffuso dalla stessa Gazoo Racing. "Tutti sanno che partecipare alla gara della Sarthe è uno dei miei sogni, quindi è stato bello esercitarmi per due giorni e spingere al limite per scoprire come si guida un prototipo senza temere conseguenze".

Seppur già dotato di una discreta base pistaiola avendo preso parte ad alcuni round della Porsche Supercup e del DTM, il sei volte iridato ha faticato un po' a capire come gestire il volante, decisamente preciso e sensibile, e le minuscole modifiche all'assetto, ma alla fine è rimasto soddisfatto dei progressi fatti.

"All'inizio non è stato semplice. Anche se questi sistemi si stanno avvicinando sempre di più alla realtà, mancano alcuni dettagli come il bloccaggio delle ruote o la forza G", ha spiegato. "L'adattamento, quindi, non è stato immediato, ma tornata dopo tornata ho preso velocità e al termine ero contento".

In occasione del test tedesco il 36enne ha poi potuto constatare come tra una LMP1 e una vettura da rally non ci siano molte somiglianze a cui appigliarsi . "Ma quando sei un pilota ami affrontare questo genere di sfide", ha sottolineato l'asso di Gap. "In particolare nella nostra disciplina è d'obbligo essere celeri nell'acquisizione di meccanismi nuovi".

Per concludere, parlando di un futuro impegno nelle corse di durata,il transalpino ha precisato che il suo mondo, almeno per il momento resta quello del controsterzo.

"Per adesso sono focalizzato sulla ripartenza del WRC dove vorrei vincere altri round e lottare per il titolo. Un domani chissà", ha infine lasciato aperta la porta del WEC o comunque della 24 Ore più celebre del globo. In fin dei conti pure il suo grande rivale di avvio carriera Sébastien Loeb ne era stato protagonista, tra l'altro salendo sul secondo gradino del podio, nel 2006 con una Pescarolo… 

Chiara Rainis

MARANELLO CORSE - Al 3° rally di Salsomaggiore ter...
RALLY DI ALBA - Presentato il rally
 

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.rallylink.it/cms16/