Back to Top

CITROEN RACING - Il duro lavoro ha dato i suoi frutti

Il Citroën Total Abu Dhabi WRT, già concentrato sulla prossima stagione, è stato ricompensato di tutti i suoi sforzi con il secondo posto, conquistato da un Mads Ostberg in ottima forma. Questo terzo podio della stagione, dopo il secondo e il terzo posto conquistati rispettivamente in Svezia e in Messico, conferma l'altissimo livello di performance della C3 WRC.

FILM DELLA GARA

Con quattro vittorie assolute (2008, 2011, 2012, 2016) già conquistate in questa gara basata sulla velocità, che richiede un setup preciso in grado di dare la massima affidabilità ai piloti, il team Citroën ha spesso dimostrato il suo valore in questo particolare esercizio di stile. E l'edizione 2018 non è stata da meno. Sin dallo shakedown, Mads Ostberg, sicuro di essere al volante della migliore auto che avesse mai provato su queste piste (tra l'altro, su tredici partecipazioni!), puntava ai primi posti, seguito a ruota da Craig Breen: un chiaro segnale del fatto avrebbero dato del filo da torcere in questo weekend. Il norvegese ha puntato subito al secondo posto a partire dalla PS 2, prima di andare in testa in maniera decisa nella PS 4, grazie alla vittoria nel primo scratch. Con due nuovi migliori tempi nel pomeriggio, è rimasto al comando per quattro crono, prima di concludere questa prima tappa in seconda posizione, a solo 5''8 da Tänak, che avrebbe poi vinto. Nel frattempo Craig Breen è stato vittima di una foratura nella PS 2, che gli ha fatto perdere 47''8 e anche ogni possibilità di combattere in prima fila, non potendo poi beneficiare di un ordine di partenza favorevole (3° nei due giorni seguenti) su questa terra in cui l'aderenza migliora con il passare delle auto. Man mano che le condizioni sembravano più favorevoli nei suoi confronti, l'irlandese è riuscito a sfruttare ogni minima possibilità per migliorarsi, come dimostra lo scratch vinto nella PS 8 e la performance nell'ultima crono, la Power Stage (solo +1''7 su 11,12 km), per raggiungere finalmente l'arrivo in ottava posizione. Per la sua seconda partecipazione dell'anno dopo l'Argentina, Khalid Al Qassimi è stato fermato sabato mattina da un errore che l'ha costretto a terminare nel Rally 2. Intanto Mads Ostberg continuava la sua performance, resistendo agli attacchi ripetuti di Jari-Matti Latvala, già tre volte vincitore su questo percorso, e mantenendo 5''4 di vantaggio in vista delle battute finali di domenica, nonostante l'handicap di aver a bordo una ruota di scorta supplementare. Domenica, alla ripresa dell'attività, il trentenne scandinavo ha segnato un nuovo miglior tempo, il suo quarto del weekend, e non ha lasciato dubbi sulle sue intenzioni: è riuscito a resistere a Latvala fino alla fine, conquistano il secondo posto, il suo miglior risultato su questo rally leggendario, dopo due terze posizioni (2013 e 2015).

DOMANDE A PIERRE BUDAR, DIRETTORE DI CITROËN RACING

Raggiungere il terzo podio in questa stagione, in un rally come quello in Finlandia, dopo una simile battaglia, ha sicuramente un significato particolare per voi…

Vero, i motivi di soddisfazione sono molti in questo weekend. Con cinque migliori tempi, la nostra auto è l'unica che potrebbe convivere con quella del costruttore di questa zona: un'altra dimostrazione dell'alto livello di competitività su tutti i terreni. Sapevamo che Mads aveva molta esperienza su questa gara, quindi era lecito immaginarsi che sarebbe andato bene, ma devo ammettere che è riuscito comunque a impressionarci, riuscendo a essere contemporaneamente veloce e molto costante, resistendo persino ai migliori piloti locali. Craig purtroppo ha compromesso la sua gara all'inizio, ed è un peccato perché anche lui ha le potenzialità per andare bene su questo terreno: sappiamo bene che su queste PS, molto sensibili ai passaggi, è difficile recuperare per chi non ha un buon ordine di partenza. Quello che però è riuscito a fare nella Power Stage contro i pretendenti al titolo dimostra che aveva il ritmo giusto, e questo è importante per me.

Cosa avete imparato dal weekend?

Questo risultato conferma che tutto il duro lavoro fatto dal team, sia in gara sia in sede o anche nei test, va nella giusta direzione. E dimostra anche che l'evoluzione, appositamente omologata per questa gara, sulla geometria dell'assale anteriore della nostra C3 WRC, con tutti i nuovi aggiornamenti effettuati sugli ammortizzatori e sui differenziali è stata efficiente. Sono quindi entusiasta per il team, che vede i suoi grandi sforzi finalmente ricompensati.

HIGHLIGHT

Con 5''4 di vantaggio su Jari-Matti Latvala nella lotta per il secondo posto, l'ultima tappa ha finalmente visto Mads Ostberg mantenere la sua posizione per 2''8. Kevin Struyf, l'ingegnere di gara del norvegese, racconta quest'ultima giornata.

«Domenica, al momento della partenza, eravamo abbastanza fiduciosi perché avevamo già fatto due belle mattinate, venerdì e sabato. Sabato pomeriggio, in particolare, abbiamo concesso del tempo a Latvala. Sapevamo che serviva iniziare subito con un ritmo elevato, e Mads ci è riuscito vincendo la crono iniziale. In realtà, abbiamo perso più tempo del previsto nella terza e penultima PS di Laukaa, 2''6 in un solo colpo: abbiamo capito che sarebbe stata una sfida ai decimi di secondo nell'ultima crono. In quel caso, non c'è molto da fare, se non provare a mantenere la fiducia del pilota, e ottimizzare la performance dell'auto lavorando ad esempio su parametri come il peso e il motore, per essere il più aggressivi possibile. Sapere di avere in mano tutte le carte per fare un buon risultato, potrebbe avere una buona influenza psicologia sull'equipaggio. Mads sapeva comunque che era fattibile, perché difficilmente aveva perso altrettanto tempo. Questo vale in particolare per una PS come Ruuhimäki che tutti conoscono molto bene, perché per anni è stata lo shakedown». 

VM MOTOR TEAM - Moreno Voltan torna al volante
PALLADIO HISTORIC - RAAB positivo
 

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.rallylink.it/cms16/