logo rallylink 200

 

The features of this report are all by Claudio Carusi

I protagonisti del Day 1

Solo due prove speciali, ma sufficienti a sottolineare le prestazioni maiuscole di due protagonisti che sorprese proprio non sono: Kris Meeke, orfano di ufficialità ma che su condizioni difficili come quelle di questo Montecarlo si esalta e Fabio Andolfi che ormai non ci fa più stupire se davanti a tutti in WRC3 c'è una vettura R2 invece come più logico sulla carta una R3T. Con la maturità dei grandi Fbaio azzecca assetto e pneumatici corretti e fa arrossire, non dal caldo, i suoi avversari. Anche il suo compagno di squadra è autore di un'ottima prestazione ma a fine giornata Damiano si prende a punti la testa (con il casco in testa, non esageriamo): "sto andando troppo piano", lamentando di non capire ancora come rallentare bene la vettura: ma il compito del Day 1 è stato osservato, vedremo oggi.

20160011281  andolfi 

Ordine di partenza Day 2

lista partentiRedatto naturalmente stanotte l'ordine di partenza del secondo giorno di gara: immutato per quanto riguarda i P1 (piloti WRC) intervallati da due minuti l'uno dall'altro; quindi il blocco formato dai WRC2 e WRC3 raggruppato in ordine di classifica, quindi tutti gli altri in ordine di classifica. Quindi, stamane, dal parco chuso di Gao usciranno nell'ordine:
alle 8:45 Ogier, quindi Latvala, Mikkelsen, Ostberg, Meeke ... 24 minuti dopo Ogier sarà la volta di Lorenzo Bertelli; Simone Tempestini (+ 35 minuti da Ogier), Fabio Andolfi (+36), Damiano De Tommaso (+40), Enrico Brazzoli (+48), Felice Re (+57), Manuel Villa (+1h 03'), Luca Rossetti (+1h 06'), Marco Blanc (+1h 15'), Tiziano Gecchele (1h 16'), Gianluca Calì (+ 1h25'), Carlo Covi (+ 1h34'), Jean Paul Palmero (1h 36')

L'ordine di partenza è visionabile cliccando direttamente qui

Condizioni delle prove di venerdì

A Gap come sempre questi giorni splende il sole ed illumina già le montagne circostanti cariche (non è vero) di neve. Temperatura dell'aria -6 gradi, ma come il sole illuminerà anche il parco assistenza, le temperature diverranno gradevoli. Se vi interessasse, la temperatura in sala stampa sfiora i 38 gradi.

I ricognitori danno le prime indicazioni sulle condizioni delle prove, naturalmente percorse quando il sole ancora non faceva capolino sul tracciato:
Prova Speciale n.3: temperatura fra i -4 ed i -6, i primi sei chilometri asciutto, quindi un paio di km ghiacciati ed il resto della prova asciutto con un pò di ghiaccio nella parte dove sfiora un abitato;
Prova Speciale n.4: temperature fino a meno 14 gradi: anche in questo caso i primi 6 km sono asciutti, quindi altri 8 km con tratti umidi, 2 km di umido con placche di ghiaccio e muri di neve a lato strada, seguiti da 1,5 km umido ed il tratto finale prevalentemente asciutto con alcuni punti umidi, tagli sporchi e qualche placca di ghiaccio;
Prova Speciale n.5: temperature fino a meno 9 gradi: fondo prevalentemente asciutto, ma con un paio di km con neve nei tagli (dopo il 6.km), quindi diversi pezzi con placche di ghiaccio ed 1,5 km prima della fine neve sulla strada gettata dagli spettatori (tradizione rispettata).

ps5a  ps5b  ps5c 

Venerdì 22 gennaio 2016 – 2.giorno di gara

programmaSarà un breve parco assistenza di 15 minuti a Gap ad aprire il 2.giorno di gara alle 8:45, quindi il primo dei due giri di prove che compongono la giornata di gara:
10:21 ps.3 CORPS - LA SALLE EN BEAUMONT 1 di 14,65 km 
11:04 ps.4 ASPRES LES CORPS - CHAUFFAYER 1  di 25,78 km
11:40 ps.5 LES COSTES - CHAILLOL 1 di 17,82 km
dalle 12:55 riordino a Gap di 15 minuti e dalle 13:10 trenta minuti di parco assistenza
15:01ps.6 CORPS - LA SALLE EN BEAUMONT 2 di 14,65 km 
15:44 ps.7 ASPRES LES CORPS - CHAUFFAYER 2  di 25,78 km
16:20 ps.8 LES COSTES - CHAILLOL 2 di 17,82 km
dalle 17:45 parco assistenza di fine giornata (flexi da 45 minuti)

Le dichiarazioni di fine giornata Day 1

Abbiamo sentito i principali protagonisti della prima giornata di gara all'ingresso del parco assistenza. Queste, in pillole, le loro dichiarazioni:

ogier parcoSebastien Ogier: E’ andata abbastanza bene, condizioni difficili, comunque siamo contenti di essere qua. Durante la notte è brutto perché si cerca di vedere le placche di ghiaccio, si ha sempre paura di cercare sempre l’aderenza comunque siamo contenti di essere qui senza problemi.
Jari-Matti Latvala: abbastanza bene, nessun gran problema tranne nella ps.2 dove siamo usciti larghi da una curva e abbiamo toccato un muro di neve dove dentro vi era una pietra che ci ha causato una foratura ed abbiamo guidato l’ultimo pezzo della prova con la gomma forata
Kris Meeke: per andare forte ci vuole un po’ di tutto, velocità, fiducia e anche un po’ di fortuna. Montecarlo è una gara un po’ particolare per quello che richiede andare forte. L’anno scorso qui ed in particolare nella prima tappa non eravamo andati bene, abbiamo fatto tesoro di questo e riflettuto e quest’anno sembra che le cose vadano decisamente meglio.
Andreas Mikkelsen: una giornata lunghissima, abbiamo fatto tre giorni di ricognizioni, poi stamane abbiamo portato i vip in giro, poi la lunga strada da Montecarlo a qui:  le prime due prove non male, abbiamo guidato stando bene dentro i nostri limiti, siamo terzi assoluti e quindi non per niente male.
sordo parcoThierry Neuville: un debutto abbastanza positivo, non sono solo soddisfatto nella mia guida nella seconda prova dove sono stato troppo guardingo; la prima prova abbastanza bene, anche se ho perso i freni verso fine prova; li abbiamo spurgati comunque fra la prima e la seconda ed è andata bene, a parte il fatto di essere stato troppo cauto nel finale della prova. Domani comunque è un altro giorno e vedremo di partire più convinti.
Robert Kubica: le prove si sapeva che sarebbero state molto difficili e così è stato: la scelta delle gomme è stata abbastanza semplice anche se c’era sempre un punto di domanda se avrebbe ghiacciato mentre invece non ha ghiacciato più di tanto. Per fortuna perché come tutti abbiamo optato per 4 soft e 2 chiodate; è andata discretamente benino senza esagerare, in qualche punto potevo andare più forte, in altri ho guidato bene. Ho purtroppo la sensazione avuta anche nei test e nello shakedown che, non so per quale motivo, la vettura non spinge più rispetto a dicembre. Guidiamo come senza bang acceso. Sono però contento, condizioni difficili, il distacco è un po’ grande però la gara è lunga. I chiodati li ho montati incrociati, però come sempre in questo caso, con cerchi di diverso diametro  la vettura è veramente strana da guidare.
Lorenzo Bertelli: (14.in classifica generale) sono andato molto tranquillo, pensavo ci fosse meno grip, potevo forse andare un po’ di più. Le prime prove con Simone, ho preferito andare tranquillo, nonostante quello ho accorciato rispetto all’anno scorso di 1 sec a km la distanza dai primi quindi vuole dire che qualcosa è migliorato. Questa gara la vorrei finire senza problemi, anche se è un po’ frustante guidare così, ma forse dopo è peggio se si commette qualche errore. Continuiamo così anche i prossimi giorni.
tempestini ruotaSimone Tempestini: (nono di WRC2) dopo che ho visto che abbiamo avuto così sfortuna gratuita perché sono partito sulla prima con l’idea di finire tranquillo, dove 7 km ho forato e ho fatto tutta la prova con la gomma forata, ci siamo anche girati, perdendo altri venti secondi. La seconda l’abbiamo fatta molto relax per andare a dormire tranquilli, per iniziare domani come se fosse la gara dall’inizio. Sono partito con due slick e due chiodi sulla macchina e due chiodi riserva, con l’idea di concentrarsi più sulla seconda che sapevo in condizioni diffiicili con molte parti insidiose e ghiacciate, la mia idea era di arrivare con 4 chiodi sulla seconda. Ho bucato con i chiodi per cui alla fine .. va bene è andata così, pronti di nuovo dall’inizio domani.
Fabio Andolfi: (prima di WRC3) le prove sono belle ma difficili, a volte dove c’è il ghiaccio e la neve bisogna andare a passo d’uomo, molto difficili come prove. Grazie alla scelta delle gomme abbiamo fatto un bel tempo sulla prima, poi grazie anche ai ricognitori che mi hanno segnalato le curve dove c’era il ghiaccio o lo sporco.. siamo andati bene.
Damiano De Tommaso: (Quarto di WRC3) ho problemi a fermarmi, non riesco probabilmente ancora a capire come gestire i freni su questi fondi. Stiamo andando veramente piano.
Enrico Brazzoli: (nono di WRC3) Non è andata benissimo. Siamo contenti della prima prova, che era la nostra prima volta con questa vettura, in condizioni abbastanza difficili, ne siamo venuti fuori bene, con un tempo discreto. Purtroppo nella seconda speciale abbiamo forato l'anteriore destra dopo 3 km, dovendo fare un pezzo con la ruota forata prima di trovare uno spazio adatto per fermarci e cambiarla, perdendo in totale 6 minuti forse un po' troppo. Però questo è il Montecarlo, la gara è ancora lunga, non molliamo.
Carlo Covi: (26.fra le vetture RC2) Ci siamo divertiti come dei matti! Sull'asfalto abbiamo preso confidenza, come ti dicevo ieri non sapevamo nemmeno come girava la macchina, e non ci interessava la classifica. Sul finale della seconda prova, senza i chiodi, bisognava arrivare ma ci siamo comunque divertiti.
Tiziano Gecchele (22.fra le vetture RC2)So realizzando il sogno della mia vita, che era quello di partecipare al Rally di Monte-Carlo. Nella prima prova non sono andato benissimo; la seconda stava andando meglio, purtroppo i primi hanno tirato in strada del “paciugo” che io non avevo segnato nelle note, la macchina mi è partita al posteriore, ho preso un muretto ed ho forato la posteriore destra. Ci siamo fermati per controllare i danni, poi siamo usciti dalla prova ed abbiamo cambiato la gomma. La discesa andava comunque fatta a passo d'uomo in quanto era innevata.
Manuel Villa (19.fra le vetture RC2)Nella prima speciale sono stato guardingo, forse un po' troppo. In entrambe le prove ho ripreso Covi, nella prima in particolare l'ho ripreso in un pezzo stretto ed in seguito ho patito un po' per l'appannamento del parabrezza. Nel secondo parziale mi sono divertito un po' di più sulla neve, per adesso va bene così. Non avendo fatto test ho un po' sottovalutato questa macchina, è un po' tanto tecnica quindi buttarsi in mezzo a queste strade sulla neve, considerando che come gomme non ero giustissimo sulla prima ma di più sulla seconda e che di notte ci vedo poco. Si era offerto di guidare Michele Ferrara, dopo aver visto come sono andato piano nella prima PS, ma gli ho detto che nella seconda gli avrei dato delle soddisfazioni...
Gianluca Calì:  (24.fra le vetture RC2)Devo dire che è emozionante, anche se la confidenza con l'auto ancora non è al massimo. Sono fiducioso, la gara è ancora lunga e c'è ancora moto da fare. Chilometro dopo chilometro faccio passi da gigante, nella prima prova speciale mi hanno superato in due dandomi ognuno un minuto; nella seconda mi hanno superato a metà prova ma da lì alla fine non mi hanno staccato, il che vuol dire che nel pezzo finale sono andato al loro ritmo, per cui sono molto soddisfatto e convinto che domani farò ancora meglio.
Luca Rossetti: Stiamo andando molto molto tranquilli perché il premio in palio è molto grosso. Nella prima prova abbiamo fatto i primi chilometri con questo set-up e queste gomme, per capire come guidare, ed è venuto fuori anche un buon tempo. Nella seconda abbiamo avuto un problema ad un sensore ruota e non avevamo l'anti pattinamento. Anche se mi sembrava di aver guidato più forte di prima il tempo rispetto a Burri è uguale, rispetto a Vaillant è peggiore, quindi bisogna aumentare un po' il passo. Abbiamo preso quattro punti per i due secondi posti in PS, allungando ancora un poco sugli avversari, anche se conterà molto di più il piazzamento finale in quanto il punteggio FIA viene moltiplicato per 3. Quindi adesso va bene fare il ragioniere, già domani non ci sarà tempo.

Prova Speciale n.2

numeri 02Alle 22:11 parte la seconda ed ultima prova speciale della giornata: la Barles-Seyne di 20,38 km, con condizioni di fondo più difficili della prima, con il tratto finale, ci dicono, completamente ghiacciato.
Prova partita

Sebastien Ogier chiude la sua prova con il tempo di 13.17.1: Sono contento di essere qui, sono prove insidiose. la prima aveva un buon grip, qui abbiamo dovuto montare i chiodi, penso fosse necessario. Siamo ancora all'inizio ma sono soddisfatto
Jari-Matti Latvala perde 20 secondi da Ogier 13.37.7: Abbiamo toccato qualcosa su una placca di ghiaccio, avevo paura di avere danneggiato la sospensione posteriore e quindi dopo siamo andati cauti
Andreas Mikkelsen: 13.20.8 Tutto bene, sono stato un po' troppo cauto nella discesa finale. Sono contento, i  miei ricognitori stanno facendo un ottimo lavoro, posso fidarmi delle mie note, avrei potuto andare più forte. Ci sono placche di ghiaccio sia nella salita che nella discesa
Mads Ostberg: 13.27.4 Sappiamo tutti quanto sia difficile. Su prove come queste è difficile giudicare la velocità. E' una sfida, ma mi sto divertendo. Non sono completamente soddisfatto ma ci vuole un po' di tempo per abituarmi sia al mio nuovo copilota che alle note
Kris Meeke 13.06.1 miglior tempo e scavalca Ogier in classifica generale: Il feeling è ottimo, sono contentissimo della mia auto
Thierry Neuville: 13.29.9 Sono stato molto cauto, troppo. Nessun errore, sono contento di essere qui, sto ancora imparando l'auto
Dani Sordo: 13.35.6 Prova non troppo difficile, ma non sono completamente soddisfatto con la maneggevolezza dell'auto. Domani è un altro giorno
Hayden Paddon: 13:23.3 Prova difficile senza i chiodi, ho guidato bene sull'asfalto. Domani con la luce del giorno sarà più facile valutare l'aderenza
Ott Tanak: 13.52.4 Prova insidiosa, difficile trovare il feeling, abbiamo fatto fatica con le gomme da neve. Penso comunque che la scelta fosse giusta
Robert Kubica:13.34.0 Tutto bene. Molto scivolosa in alcuni posti. Il feeling non è male ma ho qualche dubbio sulla potenza della nostra auto. Nella prima parte stavo guidando molto bene, non so dove ho perso tempo.
Stephane Lefebvre: 13.32.9 Non abbiamo fatto errori, sono contento della mia guida e dell'auto
Bryan Bouffier: 13.41.9 Un inizio difficile, facciamo del nostro meglio. L'inizio prova era buono, tranne un paio di curve con un po' di neve portata in strada dai piloti davanti, il finale più complicato
Lorenzo Bertelli: 14:16.0
Eric Camilli: 13.49.7

Il podio della prova vede lo scratch di Kris Meeke con la Citroen del Team Abu Dhabi, che precede di ben 11"0 Sebastier Ogier e d 14"7 Andreas Mikkelsen

La giornata si chiude con questa classifica:
1. Meeke (Citroen)  2.Ogier (Volkswagen) a 6"9  3.Mikkelsen (Volkswagen) a 20"0  4.Neuville (Hyundai) a 31"4  5.Paddon (Hyundai) a 34"9  6.Ostberg (Ford) a 35"3  7.Latvala (Volkswagen) a 38"7  8.Kubica (Ford) a 45"8  9.Lefebvre (Citroen) a 48"6  10.Sordo (Hyundai) a 51"8

 Elfyn Evans si rifa dai problemi della prima prova in WRC2 e stacca tutti gli avversari. Simone Tempestini buon quarto tempo finora.
Ora i concorrenti stanno dirigendosi al parco assistenza di Gap, dove arriveranno dalle 23:43. Sarà l'occasione per raccogliere tutte le impressioni di fine giornata.

Le prove speciali di oggi Day 1

day1 iconaTutto pronto per l'ingresso in prova alle 20:18 di Sebastien Ogier sulla ps.1. Detto della situazione difficile per la presenza di qualsiasi condizione di fondo presenti sulle due prove speciali di stasera (e probabilmente di tutti i 4 giorni di gara) ormai sarà il cronometro a parlare per comunicarci se cambiarà qualcosa nelle gerarchie 2016 rispetto a come si è concluso il 2015.
Ricordiamo che le prova viene trasmessa in diretta su WRC+, sezione a pagamento del sito WRC. Nessuna diretta è prevista sulle televisioni italiane, almeno per questa prova.
Tutti i principali protagonisti partono per questa prova con quattro pneumatici Super Soft e  2 chiodati; solo Paddon al posto dei chiodati ha le gomme "neve". Ricordiamo che Hayden Paddon corre ancora, per l'ultima volta, con la Hyundai i20WRC versione 2015.
Dei piloti "P1", cioè i conduttori delle vetture WRC, sono principalmente gommati Michelin tranne Lorenzo Bertelli e Robert Kubica che sono piloti "Pirelli" e Ott Tanak, sponsorizzato e gommato Dmack.
La ps.1 è partita con Ogier sul tracciato; tutti i conduttori P1 sono intervallati da due minuti l'uno dall'altro.

[I commenti di fine prova sono raccolti dalla radio ufficiale del sito WRC]
Sebastien Ogier conclude la prova in 12.21.9 Sono stato molto cauto, le condizioni non sono poi male. Ho preferito partire in questo modo, avrei potuto andare più veloce ma sono qui... 
Jari Matti Latvala: 12.33.1 Seb ha guidato molto bene. io non ho preso rischi, non era scivolosa come mi sarei aspettato, anche se in alcuni punti non ero sicuro. Sono contento di questo inizio
Andreas Mikkelsen: 12:31.3 Un buon inizio, considerando che l'anno scorso su questa prova ne avevo persi 15. Condizioni molto insidiose, vedremo come andrà la seconda prova. Abbiamo corso qualche rischio
Mads Ostberg: 12:40.0 Condizioni insidiose, avevo tutte le informazioni giuste dai miei ricognitori, ma faccio fatica a capire le mie nuove note, ci vorrà un po' di tempo. Sono contento di essere di nuovo sulla Fiesta
Kris Meeke: 12:26.0 Sono contento, un buon feeling. ho perso 6-7 secondi in un tornante poco dopo la partenza, dove ho fatto un 360°. Non saranno 6-7 secondi a decidere il rally
Thierry Neuville: 12:33.6 verso metà prova facevo fatica a vedere, avevo molto sporco sul parabrezza
Dani Sordo: 12:48.3 Non ho attaccato molto, non ho guidato benissimo, condizioni molto difficili
Hayden Paddon: 12:43.7 Nella prima metà della prova l'aderenza non è male, abbiamo cercato di prendere fiducia. Per ora non va male, siamo gli unici a non avere gomme chiodate
Ott Tanak 12:45.5 All'inizio non era male ma nel finale c'era molta neve tirata in strada ed in alcuni punti era davvero insidioso
Robert Kubica: 12:43.9 Tutto bene, nessun problema. Abbiamo fatto fatica con il differenziale, ma è così.
Stephane Lefebvre: 12.47.8 Non male, dopo 5 km ho toccato una pietra e temevo di avere forato
Bryan Bouffier: 13:11.4 tutto bene
Lorenzo Bertelli: 13.24.8 Ci sono molti tagli ed hanno portato molta neve in strada. Forse nel primo pezzo sono stato troppo cauto
Eric Camilli: 12.49.1 E' stata davvero dura, ho problemi in scalata, spero vada meglio dopo
La classifica dopo il passaggio dei P1 è attualmente: 1.Ogier 2.Meeke+4.1 3.Mikkelsen+9.4 4.Latvala+11.2 5.Neuville+11.7 6.Ostberg+18.1 7.Paddon+21.8 8.Kubica+22.0 9.Tanak+23.6 10.Lefebvre+25.9
Sono ora in prova i concorrenti del WRC2. Elfyn Evans ha forato l'anteriore sinistra, con la Fiesta R5 di M-Sport, perde quasi un minuto dal migliore di classe.
Simone Tempestini perde due minuti per la foratura alla posteriore sinistra: Ho forato circa 7 km dopo lo start, non so perché. Non un buon inizio, speriamo di fare meglio nella prossima.
Classifica WRC2 dopo la ps.1: 1.Maurin (Skoda) 2.Kremer (Skoda) +3.6 3.Gilbert (Citroen)+9.4 4.Giordano (Citroen)+23.3 5.Suarez (Peugeot)+29.1 11.Simone Tempestini a 2.06.1
Fabio Andolfi chiude bene la sua prova in 15:00.2 con ben 20 secondi di vantaggio su Veiby. Damiano De Tommaso perde 44 secondi dal compagno di squadra. Contento Brazzoli, anche se la prova era molto difficile.
Classifica WRC3 dopo ps.1 1.Fabio Andolfi  2.Berfa+18.5  3.Veiby+24.0 4.De Tommaso+43.8 8.Brazzoli+2.17.7 Che dire ? Complimenti a Fabio e Damiano !!
Manuel Villa: Molto scivolosa all'inizio e negli ultimi tre km. Avevo gomme da neve, non è andata molto male anche se avevo il parabrezza appannato.
Carlo Covi: Nessun problema, mi sono divertito molto!
Gianluca Maria Calì: Per me è la prima volta con quest'auto, e voglio conoscerla. E' una gara lunga e voglio arrivare al traguardo
Francois Delecour: Nessun problema, ma partire così dietro è un grande svantaggio in quanto c'è molta neve e fango in strada, abbiamo anche superato un altro concorrente in prova
In casa ACI Team Italia naturalmente molta soddisfazione per la prestazione di Fabio Andolfi che lo proietta in testa alla classifica del WRC3 - anche se con una vettura sulla carta inferiore alle più potenti R3T - e anche per Damiano De Tommaso, che comunque si piazza in quarta posizione. Ieri sera, dopo lo shakedown, il team ha "stravolto" l'assetto delle vetture, scegliendo una soluzione decisamente morbida che, a giudicare dai tempo sulla prima prova speciale, ha premiato.

Arriva a fine prova anche Luca Rossetti con la Clio R3T che corre per il trofeo europeo. Dopo la prima ps è secondo dietro il francese Courtois a un secondo e mezzo.

Le condizioni della ps.1 e ps.2

gomme pirelliMancano tre ore alla partenza della prima prova speciale dell’84.Rallye Monte-Carlo, ma i ben informati, alias ricognitori, cominciano a comunicare ai propri piloti le condizioni della prova. Cerchiamo di riassumerle: temperatura attuale dell’aria -3 gradi all’ombra. Inizio della prova, il primo chilometro e mezzo asciutto, poi cominciano le zone umide / bagnate; dal settimo km ancora nuovamente asciutto per un paio di chilometri, che riprende dopo un breve tratto umido, fino al sedicesimo km, dove inizia il tratto con neve ai lati. Da considerare che questo tratto è soggetto ai tagli e quindi la strada può diventare sporca. Nelle zone umide le temperature sono già sotto zero e quindi la formazione di ghiaccio è quasi certa. Le protagoniste quindi saranno ancora quelle cose tonde e nere che vediamo nella foto ripresa a Monaco, pronte per essere montate.

Ecco delle immagini riprese ora della ps.1: come si può notare conferma tutto quello che ci stanno dicendo i piloti da ieri sera: condizioni variabili ogni chilometro.

ps 1b  ps 1a  ps 1 

Condizioni ps.2

ps 2_finaleI primi 7 km umidi, quindi un paio di km con placche di ghiaccio, poi un chilometro tutto ghiacciato, poi ancora umido-asciutto, quindi 2 km asciutti, altri due umidi con placche di ghiaccio e gli ultimi 4 km ghiacciati. Temperatura fino a meno 7.

Partita la stagione WRC 2016

foto fiaDalla pedana posta nella piazza del Casino a Monaco, alle 18:15 è sceso Sebastien Ogier, inaugurando le partenze non solo del Monte-Carlo edizione 84, ma anche del Campionato del Mondo WRC 2016. Prima prova speciale alle 20:18, la successiva e ultima per oggi alle 22:11. [foto F.I.A.]

La descrizione delle due prove speciali di oggi Day 1

sordo shakedownps.1 "Entrevaux - Val de Chalvagne  Rouaine" di 21,25 km alle ore 20:18
Dopo una parte iniziale parecchio esposta, la maggiore difficoltà si trova a partire dal km 6,370 -  dopo il bivio D610/D10 – dove nella discesa c'è la maggiore probabilità di ghiaccio.La successiva salita verso il Col de Laval (1100 m) è veloce, così come la discesa finale. Solo la parte finale – dopo l'incrocio della strada per Ubraye – è più sinuosa ma senza grandi problematicche.

ps.2 "Barles - Seyne" di 20.38 km alle ore 22:11
L'ultimo passaggio del rally di Monte-carlo sul Col du Fanget (1459 m) risale al 1983. In quell'edizione ben tre equipaggi (Hannu Mikkola su Audi Quattro, Markku Alen su Lancia Rally 037 ed Henri Toivonen su Opel Ascona 400) fecero segnare il miglior tempo ex-aequo, impiegando 8'36” per coprire i 14,70 km tra Seyne e Barles (in senso opposto). La salita verso il colle potrebbe essere ghiacciata od addirittura innevata, su una strada sempre più difficile. Cambio di scenario nella discesa verso Seyne, molto ritmata ed inframezzata di tornanti, ideali per lo spettacolo.

Parco Assistenza

parco 2Certo, oggi il parco è deserto e quindi è per forza di cose poco vissuto, ma per rendervi bene l'idea di quello che dovete immaginarvi .... non pensate ad un parco con effetti straordinari, spazi enormi ed in centro città, non pensate al parco della Spagna o dell'Italia Sardegna. Certo, c'è la "mega hospitality" della Hyundai, ci sono quelle di Volkswagen e di Ford ma gli spazi in certi casi sono abbastanza stretti, decentrati e sconnessi. Ma lo assolviamo comunque perchè il Monte è una gara tecnica e basta Monaco per fare da passerella di partenza e di arrivo, e che passerella ! Come servizi comunque Gap assolve tutti i suoi compiti, il Media Center è in mezzo al parco assistenza (è un palazzetto dello sport per capirci), come dovrebbe essere assolutamente in tutti i rally.