logo rallylink 200

Prova Speciale n.4 "D-ANTIORARIO" di km 11,800 alle ore 8:00

ps 4Pioggia battente, grosse pozzanghere, nebbia anti-fotografi, 6 gradi: queste le condizioni meteo che difficilmente abbandoneranno gli equipaggi che affronteranno fra pochi minuti il secondo ed ultimo giorno di gara qui a Franciacorta, per il 7. Rally di Franciacorta International Circuit.

Per le due prove di oggi partenza ad ordine inverso rispetto al numero di gara: quindi prima il primo concorrente delle storiche e per ultimo il n.1 Luca Rossetti, un'ora dopo abbondante.

Partenza della prova puntuale alle 8:00 con le due vetture storiche prime a partire
COn il nuovo ordine di partenza, fino al concorrente n.24 compreso le vetture saranno intervallati ogni minuto, quindi dopo 10 minuti di pause per ripristinare la pista, quindi tutti a due minuti, con Rossetti al CO alle 9:31

Daniele Terranova: prova molto sporca ma tutto bene
Simone Marchetti: tutto bene
Renato Papaleo: tanta acqua, molto sporco, difficile al primo giro con le gomme fredde
Michele Berti: sempre sotto l'acqua, ma ogni prova va meglio, bene così
Davide Riccio: le condizioni sono sempre più difficili però l'abbiamo conclusa, bene così
Denis Berti: bene, senza pioggia però sarebbe stato meglio
Sergio Terrini: la pista è molto scivolosa, cerchiamo di mantenere la posizione
un attimo di pausa per ripristinare la pista
Purtroppo un altro "imbottigliamento" dovuto ad una vettura che urta una barriera, comporta un ulteriore, ma breve, interruzione
Marco Menghini (navigatore di Garcia): abbiamo fatto 3 volte la prova con gomme e benzina per farne una sola
Fredrik Fassio: bellissima, sono riuscito a fare una prova pulita perchè mi hanno fatto ripartire
Andrea Franchini: bello, lo rifacciamo un'altra volta
Stefano Baccega: si è rotta la prima marcia in un'inversione
Diego Salerno: gomme fredde all'inizio ma ci siamo divertiti
Cristian Bonanno: ci stiamo divertendo
Mirko Tacchella: abbiamo dovuto un pò sacrificare per scaldare le gomme, però ci siamo divertiti
Ilario Bondioni: tutto ok
Paolo Oliva: bene, ci siamo divertiti tanto, l'unico problema è stato restare fermi 40 minuti con le gomme quindi fredde
Giacomo Ogliari: bene, un pò le gomme fredde, con un vantaggio ampio sono stato tranquillo
Michel Bissa: abbastanza bene, ho sofferto un pò nel primo giro perchè non avevo la giusta concentrazione. Se c'era asciutto ci divertivamo di più. Comunque bene così
Federico Della Casa: ci siamo girati, continua il problema alla frizione. La gara comunque l'ho buttava via io ieri.
Mirko Puricelli: arriva con la vettura danneggiata a fine prova. sono un pò arrabbiato perchè si creano delle situazioni per fare danni. Dopo la fotocellula dove arrivi a 120-130 km/h e trovi delle chicane ....
Felice Ducoli: doppio testacoda
Cristiano Manzini: dopo i problemi di ieri la usiamo come gara test. Ancora problemi all'idroguida, difettosa.
Beppe Freguglia: siamo alle solite, non riesco a guidare con il vetro appannato, questa gara proprio non va
Alfonso Di Benedetto: miglior tempo, ci sto mettendo la vita. Darò il massimo per passare Ogliari (l'ha già passato ndr)
Ermanno Dionisio: stallonato un pneumatico: abbiamo iniziato male e finito peggio
Pascal Perroud: c'è tanta acqua in pista, io sto usando le gomme che ho usato tutto ieri
Ha picchiato Stefano D'Aste e la vettura è in mezzo al tracciato. Bandiera rossa
Prova interrotta per il recupero della vettura danneggiata
Il "manitu" entra in pista e "porta via" sollevandola la vettura danneggiata di Stefano D'Aste, in testa alla gara fino a quel momento. Gara terminata, almeno per la prima posizione, per il forte pilota ligure/lombardo.
Prova ripartita con il n.1 Luca Rossetti che era già sulla llinea di partenza, a seguire i concorrenti che erano già in pista al momento dell'interruzione e che dovranno rifare la prova.
Luca Rossetti: bene. Davvero molto difficile, abbiamo cercato di andare più lenti dopo quello successo a D'Aste, ma comunque era molto difficile lo stesso. Capisco quello che è successo a Stefano
Alex Caffi: molto difficile, anche se non avevamo particolari stuazioni di classifica da difendere
Mirko Zanardini: un setp che ha migliorato la vettura. Mi si è spenta la vettura in un'inversione. I freni a mano non sono la mia specialità
Luca Tosini: penso bene, setp buono, inizio a sentirla e a guidare un pò.

Con il transito di Luca Tosini si conclude la ps.4