Back to Top

9.tappa alla Dakar: Cornejo e "Peter" fanno un passo avanti

nono
Oggi è stato il paradiso per i fotografi ma l'inferno per i piloti e i piloti! Il mare ha ospitato l'inizio del giro di prova speciale intorno a Neom, dove è iniziato e finito. Il contrasto tra l'azzurro del mare e le sfumature di marrone delle rive era sorprendente da un punto di vista aereo. Tuttavia, i concorrenti non hanno avuto molto tempo per ammirare il paesaggio e, sotto i loro caschi, sono state le rocce al centro della speciale o il groviglio di piste alla sua estremità ad attirare l'attenzione di piloti, piloti e co-piloti. . Così facendo, Carlos Sainz e Nasser Al-Attiyah hanno perso tempo prezioso, mentre le difficoltà di navigazione hanno giocato nelle mani di Nacho Cornejo, i cui talenti continuano a emergere quando la strategia è di fondamentale importanza. Lungo i 465 chilometri della speciale, i paesaggi maestosi hanno incoraggiato la calma e i vincitori della giornata sono stati coloro che hanno colto questo concetto.

Alcune sorprese non sono del tutto inaspettate. Negli ultimi giorni, Nacho Cornejo ha mostrato le sue capacità di navigazione, si è caldamente invitato ai vertici della classifica generale, ha preso il comando e gradualmente ha aperto un varco sui suoi inseguitori, con la lucidità di rallentare ma anche di guidare veloce quando serve! La prestazione del cileno ha spinto Toby Price ad essere troppo frettoloso e l'australiano è uscito dal rally dopo una brutta caduta, il che significa che il suo compagno di squadra Sam Sunderland è ora l'unico rappresentante ufficiale KTM, al terzo posto circondato da quattro piloti Honda, incluso il detentore del titolo Ricky Brabec , alle calcagna e con l'obiettivo di buttarlo giù dal podio per dipingerlo interamente di rosso. 

Nella categoria auto, la capacità di prendersi il suo tempo ha anche pagato per il leader della classifica generale Stéphane Peterhansel, che ha fatto segnare il miglior tempo della giornata e soprattutto ha evitato qualsiasi battuta d'arresto, mentre Nasser Al Attiyah e Carlos Sainz hanno subito forature che hanno portato ulteriormente i loro obiettivi di vittoria fuori dalla loro portata. Dovendo accorciare il distacco dal rivale francese, il qatariano ha invece perso 12 minuti supplementari. 

Anche se il duello continua tra Manuel Andújar e Alexandre Giroud nella gara in quad, l'argentino è ancora in testa e ha ottenuto 15 secondi in più oggi, su una speciale dominata dal cileno Giovanni Enrico

Un altro cileno, Chaleco López, ha inferto un duro colpo ed è tornato in cima alla classifica generale vincendo la tappa nella categoria dei veicoli leggeri. 

Nella gara dei camion c'è stata una piccola rivoluzione, con un successo di tappa per il pilota ceco Martin Macík. La sua vittoria per 2'27 '' su Airat Mardeev non ha però influenzato il boss della categoria, dato che Dmitry Sotnikov continua a guidare la classifica generale come ha fatto da quando il rally ha lasciato Gedda. 

[photo credit DPPI/J.Delfosse]

Accettando accederai a un servizio fornito da una terza parte esterna a http://www.rallylink.it/cms20/