Back to Top

10.tappa alla Dakar: una giornata agrodolce per Honda

tapp10
Benvenuto in un mondo diverso. Nel corso di centinaia di migliaia di anni, i processi geologici modellano le rocce in gigantesche sculture dalle forme che possono essere familiari o, al contrario, piuttosto psichedeliche: un fungo qui, un mammut là, laggiù un tulipano, una piramide o una colonia greca ... questo paesaggio surrealista, la preoccupazione principale dei concorrenti era la navigazione. Non tutti hanno apprezzato questo esercizio, compreso Sam Sunderland, che è andato vicino a perdere il suo posto sul podio. Se è riuscito a mantenerlo, è stato solo grazie alla battuta d'arresto subita da Nacho Cornejo, le cui speranze di vittoria sono state deluse proprio quando il rally è arrivato a un centinaio di chilometri circa dai millenari monumenti funerari nabatei per i quali Al-ʿUla è famoso.

Nessuno si aspettava che questo si trasformasse in un gioco di sopravvivenza. I quattro piloti Honda che circondavano Sam Sunderland nei primi 5 della classifica generale non avevano bisogno di impostare un ritmo infernale per tenere a freno la gara. Nessuno, infatti, può accusarli di essere spericolati nella tappa odierna ... ma Nacho Cornejo è caduto dopo 252 km nella speciale . Il cileno è stato evacuato dalla gara 90 chilometri lungo la strada, al termine della speciale che Ricky Brabec ha vinto nello stesso momento in cui è balzato al secondo posto assoluto. È difficile guardare oltre il campione in carica e il suo compagno di squadra Kevin Benavides, ora in testa al rally di 1′04 ″, nella lotta per il titolo. 

Nel frattempo, nella categoria auto, l'ultimo duello tra Stéphane Peterhansel e Nasser Al-Attiyah non ha portato a grandi cambiamenti, poiché i 49 ″ persi dal pilota Mini ha appena intaccato il suo vantaggio in vista di una battaglia ancora più feroce domani. Yazeed Al-Rajhi ha colto l'opportunità di vincere un'altra tappa come premio di consolazione per non essere stato in grado di competere per il titolo. 

Pablo Copetti ha lasciato gli avversari nella polvere nella categoria quad, ma rimane al quarto posto assoluto con la luce del giorno chiara tra lui e il leader Manuel Andújar

Anche "Chaleco" López è rimasto impassibile per la vittoria di Sergey Karyakin nella categoria dei veicoli leggeri, ma farebbe bene a tenere d'occhio il collega pilota Can-Am Austin Jones a 10'13 ″. 

Martin Macík ha ottenuto il doppio successo di fila con un nuovo trionfo sui piloti Kamaz, ma senza allentare la presa di ferro della classifica generale. 

[photo credit A.S.O./F.Le Floc'h/DPPI]

Accettando accederai a un servizio fornito da una terza parte esterna a http://www.rallylink.it/cms20/