logo rallylink 200
“Si corre solo in competizioni agonistiche in piena sicurezza mai nelle strade comuni”, il richiamo alla guida intelligente nel convegno  sulla  sicurezza stradale: “Io per la strada” Sicuro?”

 Arzachena 7.12.2016 - Giovani a lezione di sicurezza stradale nell’Auditorium di Arzachena, il  2° Convegno sulla ideato e organizzato da Porto Cervo Racing e Sandra Medda prosegue il suo progetto si sensibilizzazione che parla direttamente agli studenti delle scuole medie e superiori.


“I ragazzi sono i principali protagonisti di questo progetto, ha detto Sandra Medda - sono loro gli autisti del futuro e rappresentano la nostra speranza di avere strade più sicure. Il progetto “Io per la strada? Sicuro!” è iniziato il 20 novembre 2015 e a solo un anno di età è in grado di lanciare messaggi positivi e molto utili per tutti noi”.


Alle lezioni  didattico - formative ideate per le classi 5^ del Liceo "Falcone e Borsellino", dell’Istituto Alberghiero “Costa Smeralda””, le Scuole Medie e  primarie di Arzachena e Cannigione sono intervenuti gli esperti delle associazioni di Protezione Civile  “Agosto 89” “Associazione Costa Smeralda”, Centro “Avis Arzachena” e Polizia Locale del Comune di Arzachena. Il Convegno ha rappresenta uno dei momenti più importanti della campagna di sensibilizzazione, nella quale sono stati premiati con un corso di guida  teorico e pratico sicura. I vincitori sono ragazzi neo patentati delle scuole superiori: Francesca Spano dell’Istituto Alberghiero, Mario Malu del Liceo Scientifico, Carolina Vinci, Shaida Scano e Anna Gianberducca che hanno partecipato alla parte teorica, un riconoscimento particolare è stato attribuito a  Melvina Vezzola”.


“Il nostro obiettivo è quello di sensibilizzare principalmente i giovani, ma anche gli adulti sull’importanza della sicurezza stradale – ha detto Mauro Atzei, presidente della Scuderia Porto Cervo Racing- obiettivo pienamente centrato con il coinvolgimento degli alunni nelle scuole. Vogliamo mantenere alta l’attenzione su questi argomenti perché abbiamo l’obbligo morale di lavorare per ridurre le perdite in termine di vite umane, attenuare i costi e i danni economici degli incidenti e garantire serenità interiore per tutti.

Delle funzioni cognitive nel comportamento di guida ha parlato la psicologa Anna Rita Deiana, il suo intervento ha coinvolto gli alunni del Liceo Scientifico con esperimenti diretti sulle modalità con le quali il livello di attenzione alla guida è abbassato dalla distrazione. Importante il messaggio di Giovanni Delogu –rappresentante dell’AIDO-che ha spiegato sulla prevenzione degli incidenti e la donazione degli organi, e su quanto sia sconvolgente per una famiglia perdere un proprio caro, ma anche trovare una nuova forza donando gli organi a chi può rivivere. Alessandro Pompei, esperto sicurezza rally ha parlato  delle regole di comportamento del pubblico nelle manifestazioni sportive, le immagini “shock” hanno evidenziato cosa può succedere in un incidente stradale e come un auto possa divenire un’arma pericolosissima. Paolo Ciuffi, istruttore guida sicura ha lanciato il messaggio ben chiaro: “si corre solo in competizioni agonistiche in piena sicurezza mai nelle strade comuni”. Importanti gli interventi finali di Alberto Careddu, osteopata, che ha ricordato le statistiche degli incidenti, i traumi che rimangono spesso per tutta la vita e Don Romolo Fenu ha trattato l’importanza dell'educazione all'incolumità personale, il ruolo degli adulti e dei giovani. 




La Porto Cervo Racing ringrazia il Comune di Arzachena, l’istituto Alberghiero “Costa Smeralda” che ha garantito con i suoi alunni  un’accoglienza di altissima qualità e professionalità, i ragazzi del Liceo "Falcone e Borsellino", si sono occupati della parte tecnica del convegno. Un particolare riconoscimento è diretto anche alle associazioni coinvolte nella campagna di sensibilizzazione e alla Polizia Locale.