logo rallylink 200

Special Rally Circuit e Balcone delle Marche per Winners Rally Team

TORINO – Fine settimana in pista per gli equipaggi di Winners Rally Team; in Lombardia, sullo storico tracciato di Monza, saranno sei i portacolori della scuderia piemontese che parteciperanno alla prima edizione dello “Special Rally Circuit” organizzato dalla Vedovati Corse. Il torinese Maurizio Tortone avrà a disposizione la splendida Ford Fiesta WRC di Tamauto che dividerà con Luciana Andreola mentre il driver belga Olczyc condividerà l’abitacolo della Peugeot 206 WRC con il connazionale De Bolle. Tra le vetture a due ruote motrici il sodalizio dell’alloro schiererà ben quattro piloti; Francesco Rivera e Romina Bianchi su Renault Clio R3C, Enrico Tortone e Cristiano Giovo su Peugeot 208 R2B, Mauro D’Angelo e Clarissa De Rosa su Renault Clio N3 e Matteo Giordano che, con alle note Manuela Siragusa, porterà in gara la piccola Mini John Cooper Works Racing Start. La manifestazione, organizzata da Vedovati Corse, prevede quattro prove speciali che si terranno sulla pista dell’Autodromo Nazionale di Monza, in ognuna delle quali verranno percorsi 17,400 Km. Il circuito verrà rallentato con inversioni e varianti artificiali, per rendere lo spettacolo ancora più avvincente. In tutto, i partecipanti dovranno percorrere una distanza pari a 70,500 Km.

A Cingoli, in provincia di Macerata, sarà Tullio Versace a difendere i colori di Winners Rally Team; il pilota trevigiano sarà ai nastri di partenza del 9° “Rally Balcone delle Marche” a bordo della Skoda Fabia R5 di Umberto Scandola ritrovando sul sedile di destra Cargnelutti con il quale ha partecipato al recente Rally della Val d’Orcia. Grandi novità, quest’anno per la gara, che rimane nella confermatissima Cingoli, da anni eletta a simbolo in ambito nazionale per le competizioni rallistiche su sterrato: non sarà più una “ronde” (una prova speciale per quattro ripetizioni) ma un Rally Nazionale, con la caratteristica di proporre due distinte Prove Speciali da ripetere per tre volte. Un presupposto importante per dare modo agli amanti delle strade bianche da rally di apprezzare ancora di più le belle “piesse” marchigiane.