logo rallylink 200

Squadrone Team Bassano al Valsugana Historic!

Quasi 50 gli equipaggi tra rally e revival iscritti dalla scuderia quattro volte Campione d’Italia all’evento trentino del prossimo fine settimana!

Romano d'Ezzelino (VI), 14 ottobre 2015 – Tanti sono gli appuntamenti a calendario, ma uno come il Valsugana Historic diventa d’obbligo per la maggioranza dei tesserati del Team Bassano: la Scuderia quattro volte Campione d’ Italia schiererà al via quarantasette equipaggi in totale, dei quali quattro nel Revival di regolarità sport!

A caccia del tris di vittorie, dopo quelle ottenute nel 2009 e 2011, saranno Giorgio Costenaro e Sergio Marchi con la Lancia Stratos i quali oltre che con gli altri pretendenti dovranno fare i conti coi compagni di scuderia al via con le Porsche 911: sulle RS Gruppo 4 saranno in gara Giampaolo Basso e Francesco Zannoni, Claudio Zanon e Maurizio Crivellaro, Antonio Orsolin e Denis Azzolin mentre con le SC Gruppo 4 si presentano Giuseppe Michieli con Eris Moz, Jacopo Rocchetto e Matteo Valerio, Luigi Alberti e Giulio Oberti; sicuramente mireranno alle parti alte della classifica Tiziano Nerobutto e Simone Istel con la Volkswagen Golf Gti Gruppo 2 ma anche da Luca Cattilino e Mauro Grassi su Opel Kadett Gt/e Gruppo 2 e Damiano Zandonà in coppia con l’omonima Iside su Renault 5 GT Turbo Gruppo A. La nutrita presenza tra le “due litri” continua con la Fiat 131 Racing di Nereo Bonollo ed Alberto Ferracin, quella di Egidio Lucian e Giorgio Fichera; l’Opel Kadett Gt/e di Sandro e Franco Simoni, la Ford Escort RS di Giampietro Pellizzari e Mauro Magnaguagno; in gara anche l’Alfa Romeo Alfetta GT di Gianfranco Pianezzola e Nicola Tosin e la BMW 2002 Ti di Guido Vettore e Michele Bizzotto. Altra classe che si preannuncia combattuta sarà la 2-1600 del 3° Raggruppamento nella quale oltre alla Golf Gti di Nerobutto vi saranno quelle di Romano Purin e Daniel Stroppa, Maurizio Campagnolo e Christian Camazzola, Massimo Giudicelli e Nicolas Caberlon, contro le quali si schiera l’Alfa Romeo Alfasud TI di Enzo Armellini ed Enrico Gaspari. In gruppo 4-1600 tocca invece alla Lancia Fulvia HF di Ernesto Ziglioli e Roberto Spagnoli. Attesa per la prestazione del funambolico Davide Biasiolo sulla Morris Cooper S che dividerà con Loris De Paoli e nuovamente assieme sulla Simca Rally 2 saranno Mirco Urbani e Giovanni Brunaporto. Supersfida nella classe delle “piccoline” la 2-1150, che vede oltre alle quindici A112 Abarth del Trofeo, la Fiat 127 Sporti dei fratelli Davide e Nicola Benetton e la Fiat Ritmo 60 di Roberto Piatto ed Emanuela Zago. Con le A112 di Trofeo, oltre alle Gruppo 1 di Raffaele De Biasi e Jenny Maddalozzo e quella di Giuseppe Cazziolato sono iscritti: Lisa Meggiarin e Silvia Gallotti, Massimo Gallione e Maurizio Cochis – coi rispettivi coequiper Piercarlo Morino e Milva Manganone, Giorgio Sisani e Luigi Cavagnetto, Matteo Armellini e Luca Mengon, Saro Pennisi in coppia con Sonia Rossi, Mimmo Domenighini che sarà navigato da Daniela Zanchin, Raffaele Scalabrin per la prima volta in coppia con Enrico Fantinato,  Antonello Pinzoni con Guido Moreno, Fabio Vezzola e Mauro Savegnago, il trevigiano Remo Castellan navigato da Thomas Ceron, Cristiano De Rossi e Maurizio Palazzo, Enzo Concini e Corrado Baldo, Silvio Cavaliere ed Andrea Gugole e Pierluigi Zanetti che sale per la prima volta sull’A112 Abarth con Mattia Franchin alle note. Tra le vetture classiche Giorgio Santagiuliana e Matteo Zoso si ripresentano con la competitiva Citroen AX e Gianluigi Baghin debutta con la Peugeot 205 Gti in coppia con Moreno Carraro.

Nel Revival di regolarità sport tocca alla BMW M3 di Diego Castagna e Renato Vicentin, la Porsche 911 SC di Pietro Iula e William Cocconcelli e le Autobianchi A112 Abarth di Manuel Oriella con Alberto Rossato e quella di Davide e Matteo Moscheni.

Nello scorso fine settimana al Rallylegend, Francesco Nerobutto e Domenico Mularoni con l’Opel Kadett Gt/e si sono classificati in quindicesima posizione assoluta nel “Historic Legend”.

In Autodromo ad Imola si è corsa la sesta gara del Campionato Italiano Velocità Autostoriche: al via c’erano la Fiat Ritmo 75 Gruppo 2 di Roberto Piatto ed Enzo Armellini, ottimi sesti di 3° Raggruppamento e primi di classe, mentre Mario Massaglia si è dovuto ritirare a seguito uscita di strada con la Porsche 935 Turbo Gruppo 5.