logo rallylink 200

COPPA DEI LUPI 2015


Boom di iscrizioni per la gara valida per il Campionato italiano Regolarità Classica per Auto Storiche che si svolgerà il 10 e 11 gennaio 2015.

Rispettando la tradizione i numerosi soci della Scuderia del Tempo Perso si sono incontrati nella giornata della vigilia di Natale, nella sede sorana, per il consueto brindisi e scambio augurale. L’occasione è stata anche utile per gli aggiornamenti relativi all’imminente Coppa dei Lupi, gara valida per il Campionato italiano di regolarità classica. La competizione si svolgerà il 10 e 11 gennaio 2015, proprio a ridosso delle festività d’inizio anno e non più nel mese di febbraio come nel passato. Questa scelta di cambio di data che procurava perplessità circa l’esito della partecipazione si è invece rivelata vincente. Il presidente Mauro Doria e il segretario Enzo Sergnese hanno comunicato che probabilmente saranno costretti a chiudere le iscrizioni in anticipo perché sono già pervenute ben cinquantacinque adesioni e che per il pieno rispetto del regolamento di gara e per non incorrere in problemi logistici il numero massimo dei partecipanti dovrebbe attestarsi intorno alle sessanta vetture. Qualche preoccupazione destano le previsioni meteo , ma solo ai fini organizzativi , perché gli equipaggi partecipanti amano sfidarsi di notte nelle condizioni più estreme , per questo la Coppa dei Lupi è il più atteso evento invernale di regolarità classica per auto storiche del Centro Italia .

Nell’edizione 2015 il percorso di gara porterà gli equipaggi a percorrere strade del Molise Abruzzo e Lazio, per circa trecentocinquanta chilometri, gran parte in notturna e nell’ambito del Parco Nazionale delle tre regioni citate. Partenza alle ore 13.30 di sabato 10 gennaio ed arrivo previsto della prima vettura alle ore 0.30 di domenica 11 gennaio , sempre in Piazza Restituta , nel pieno centro cittadino di Sora. Nella stessa mattinata di domenica, a partire dalle ore 10.00, la cerimonia di premiazione. Cinque i settori di gara con ben quarantanove prove cronometrate. Dopo la cerimonia di partenza gli equipaggi procederanno in direzione Valle di Comino. Primo start di PC nella zona artigianale di Vicalvi e a seguire, sempre in prova, si attraverseranno i comuni di S. Biagio Saracinisco, Cardito di Valletoronda e Scapoli per giungere al primo CO di Castel S. Vincenzo. Ripartenza per Pizzone attraversando Alfedena fino al Lago di Barrea per un arrivare al controllo a timbro a Civitella Alfedena e proseguire fino al piazzale degli impianti sciistici di Pescasseroli dove sono previste altre quattro prove cronometrate e il secondo CO. Il terzo settore, il più lungo, terminerà a Passo Godi dopo l’attraversamento di Bisegna, Ortona dei Marsi e l’ascesa all’Olmo di Bobbi, per poi percorrere la tangenziale di Anversa degli Abruzzi e immettersi nelle “Gole del Sagittario”, percorrendo la stretta e tortuosa strada, attraversando anche il comune di Villalago e poi Scanno fino ad arrivare a Passo Godi (1680 mslm), lasciando alle spalle oltre duecento chilometri con ventisei prove cronometrate all’attivo. Dopo una breve sosta presso il “Rifugio Lo Scoiattolo”, dove gli equipaggi avranno l’unico momento di relax assaggiando specialità tipiche abruzzesi, gli equipaggi ripartiranno per ancora centocinquanta chilometri. Esattamente alle ore 20:45, la prima vettura riceverà lo start da Passo Godi per percorrere a ritroso la discesa di Scanno e le Gole del Sagittario con leggeri cambiamenti di percorso rispetto all’andata. Dopo il bivio di Ortona dei Marsi cambio di percorso per procedere verso Carrito e Pescina dove è situata la fine della nona prova del quarto settore, con trasferimento a Gioia dei Marsi dove sarà posizionato il quinto controllo orario e dove l’Amministrazione comunale ha previsto un momento di accoglienza per pubblico e concorrenti A Gioia, inizierà il quinto e ultimo settore che sarà il più impegnativo con ben quattordici prove cronometrate, le più dure il più duro e che porteranno i concorrenti ad affrontare i valichi di Gioia Vecchio (1.400 mslm) e di Forca d’Acero (1.538 mslm), con finale di gara in una cava situata presso i Prati di Rio (Alvito) dove saranno poste le ultime quattro prove. Quindi trasferimento nel centro cittadino di Sora per l’ultimo CO e per festeggiare fine gara con un buon  vin brûlé in compagnia di amici e spettatori .