logo rallylink 200

Da Zanche domina il Rally di Sanremo ma due forature lo mettono fuori

Il campione europeo storiche stravince le prime prove speciali al venerdì con la Porsche 911 RSR della Pentacar nei colori Piacenza Corse però è costretto al ritiro sabato mattina dopo una serie di inconvenienti incredibili: “Non salivo in macchina da cinque mesi e pure senza test ho messo dietro tutti, finché ho potuto: un vero peccato, ma la soddisfazione per la performance di vertice resta tutta”


Bormio (SO), 11 aprile 2015. Un super Lucio Da Zanche non basta per il personale tris nella gara a lui più cara, il Rally di Sanremo. Per il campione di Bormio nel 2014 era stato tappa fondamentale nella conquista del Campionato Europeo auto storiche secondo raggruppamento, quest'anno, invece, navigato da Giuseppe Mancuso sulla Porsche 911 RSR della Pentacar di Colico, il valtellinese si è dovuto arrendere a due forature nel corso della seconda tappa di sabato 11 aprile dopo aver dominato al venerdì la prima parte della 30^ edizione del Sanremo Rally Storico, seconda prova dell'Europeo e del Tricolore 2015. Da Zanche aveva tramortito tutta la concorrenza fin dalla PS1, la “San Romolo 1”, stravincendo la battaglia contro il cronometro e ripetendosi nella PS3 “Bignone”. In mezzo il secondo posto della PS2 a soli due decimi dal francese Valliccioni. Un dominio continuato in classifica generale fino alla serale PS4, secondo passaggio a San Romolo, quando a causa di una foratura alla posteriore sinistra occorsagli nel trasferimento e riparata in loco l'equipaggio della Piacenza Corse ha pagato il ritardo al controllo orario con 40 secondi di penalità. Nella notturna PS5, poi, Valliccioni esce di strada con la Renault 5 turbo causando la neutralizzazione della prova proprio al sopraggiungere della Porsche di Da Zanche-Mancuso, ai quali viene assegnato un tempo imposto fin troppo alto, prendendo a riferimento conduttori della sua categoria che in quel momento navigano ben lontani dai limiti imposti dal campione valtellinese. Nonostante le disavventure, Da Zanche resta in gara a soli 23 secondi dalla leadership, ma alla prima prova di sabato mattina, la PS6 “San Bartolomeo”, è costretto al ritiro a seguito di una foratura stavolta alla posteriore destra. Un Sanremo davvero complesso per il campione europeo 2014 e bicampione italiano 2011 e 2012, capace comunque di dimostrare il reale potenziale dell'equipaggio italiano e della rossa Porsche by Pentacar che hanno strabiliato nelle prime prove delle 11 in programma.


“Non so proprio né dove né come abbiamo forato, tra l'altro pure in trasferimento - dichiara Da Zanche -; so soltanto che ce ne sono capitate di ogni dopo un inizio spettacolare. Non guidavo un'auto da corsa da cinque mesi e senza un chilometro di test ho messo dietro tutti. Le forature, l'uscita di strada della R5 e un tempo imposto francamente inspiegabile e del tutto non idoneo al livello che abbiamo dimostrato sono un vero peccato e dimostrano che la dea bendata ci ha voltato la faccia, ma la soddisfazione e l'orgoglio per una performance nettamente di vertice restano tutte e le condivido con la Pentacar e i fratelli Melli, il mio compagno d'avventura, la scuderia, tutti i partner commerciali e i miei sostenitori, che in questi giorni si sono fatti sentire sia da casa che qui a Sanremo. Grazie!”