logo rallylink 200

GRANDI NOMI AL VIA DEL 5° HISTORIC RALLY VALLATE ARETINE (6/7 MARZO) PRIMA PROVA DEL CAMPIONATO ITALIANO RALLY AUTO STORICHE 2015

Arezzo. Apertura in grande stile per il Campionato Italiano Rally Auto Storiche 2015 con il 5° Historic Rally Vallate Aretine, che raduna ad Arezzo, nel prossimo fine settimana, un vero e proprio "parterre de roi", con un elenco iscritti ricco di tanti nomi di prestigio del rallismo tricolore e macchine di alto livello.

Novantaquattro vetture prenderanno il via dalla splendida Piazza Grande di Arezzo sabato 7 marzo  alle ore 9.00 ed il primo a scendere dalla pedana sarà "Lucky" Battistolli, con Luigi Cazzaro a bordo della affascinante Ferrari 308 Gtb gruppo 4.

"Lucky", campione Europeo Auto Storiche 2014 e vincitore all'Historic Rally Vallate Aretine due anni fa, è uno dei candidati alla vittoria e sarà seguito da altri settantuno concorrenti nel rally, dei quali diciassette impegnati nell'affollato Trofeo A112 Abarth, e da ventidue vetture, di alto spessore tecnico, in gara nella Regolarità Sport.

Anche se da quest'anno il Cir Auto Storiche non prevede una classifica finale assoluta, dato che ogni equipaggio compete all'interno di uno dei quattro Raggruppamenti, un occhio alla prestazione assoluta verrà comunque tenuto dai "big" in gara.

Nel Quarto Raggruppamento, oltre al vicentino "Lucky", altri pretendenti alla vittoria sono le tre Lancia 037 affidate agli altri vicentini Giorgio Costenaro, con Marchi alle note, e Paolo Baggio, con l'esperto Flavio Zanella, e al sammarinese Marco Bianchini, con Rossini. Grande attenzione va posta anche sulla gara dell'altro vicentino Fabio Frisiero, proveniente dal Mondiale Rally, che debutta nel Cir Storico con la Audi Quattro A2, navigato da Luca De Rizzo. Prestazioni di valore sono attese anche dalle meno potenti Alfa Romeo Alfetta Gtv del campione romagnolo Bruno Bentivogli, con Cecchi alle note, e di Eraldo Righi, con Bartolini. Tutto femminile l'equipaggio composto da Fiorenza Soave e Monica Galesi, in gara con una Fiat Ritmo 130 Tc.

Nel Terzo Raggruppamento saranno assai probabilmente le Porsche 911 a dettare legge, affidate alle capaci mani del vicentino Paolo Nodari, con Giulio Nodari alle note, del veronese Nicola Patuzzo, con Verdelli, di Pietro Tirone, con Oberti, di Salvatore Biosa, con Mancuso. Ma anche quella di Giovanni Recordati, che torna ad indossare la tuta nei rally storici, con il fido Freddy Delorme alle note. Competitive anche la Ford Escort Rs del comasco Andrea Guggiari, con Sordelli, e le Fiat 131 Abarth affidate a Giulio Pedretti, con Rossi alle note, e a Sergio Mano, con Barbero a fianco, nonchè la Opel Ascona 400 del pratese Brunero Guarducci, con Bazzani.

Spiccano in questo Raggruppamento i nomi di alcuni campioni come Federico Ormezzano, in gara con Betty Tognana e la sempre pimpante Talbot Lotus e di piloti dai trascorsi importanti come Piergiorgio Barsanti, al via con Pollini a bordo di una Opel Kadett Gte, e Bucci-"Micky" con l'Alfetta Gtv. Al via anche l'aretino Norberto Droandi, su Fiat 127 Sport, Presidente della Mitropa Cup Rally.

Nel Secondo Raggruppamento uomo da battere è il giovane bresciano Nicholas Montini, laureatosi campione italiano Cir Auto Storiche nel 2014, che si presenta con la sua Porsche 911 Rs e Romano Belfiore alle note. Montini dovrà guardarsi dalla voglia di vincere di piloti veloci, anche loro su Porsche, come il senese Alberto Salvini, con Tagliaferri e il lucchese Riccardo De Bellis, affiancato da Alicervi, o come il campione sammarinese Graziano Muccioli, con un'altra campionessa, Luisa Zumelli, a dettare le note. Di notevole livello anche la presenza di piloti al volante di Ford Escort Rs quali il veloce sammarinese Davide Cesarini, con Gabrielli alle note, Dino Vicario, con Cavagnetto alle note, e Maurizio Elia, con Racca.

Nel Primo Raggruppamento spiccano i nomi di grandi specialisti dei rally storici, che daranno vita ad un'altra entusiasmante bagarre sportiva, come il siciliano Marco Savioli, con Failla e la Bmw 2002 Ti, o come i "Porschisti" Roberto Rimoldi , navigato da Simona Mantovani, Emanuele Paganoni, con Dell'Acqua, Antonio Parisi, con D'Angelo alle note. Da tenere d'occhio anche Luigi Capsoni, con Lucia Zambiasi alle note, sempre competitivo con la Alpine Renault A110.



TROFEO A 112 ABARTH, LA GARA NELLA GARA

Sono diciassette gli equipaggi iscritti al “rinato” Trofeo A112 Abarth, che continua a crescere in equipaggi e successo.

I coniugi piemontesi Maurizio Cochis e Milva Manganone, secondi nel Trofeo 2014, ci riprovano, e troveranno tenaci avversari nell’equipaggio trentino  Alessandro e Francesca Nerobutto e nella rientrante Lisa Meggiarin, vincitrice della Serie 2013, qui affiancata da Silvia Gallotti. Da seguire con attenzione, nella lotta per la vittoria, alcuni equipaggi locali come Orazio Droandi ed Emanuela Florean e Francesco Mearini, con Acciai. Ancora tra i papabili per il primato  l’imperiese Enrico Canetti, in coppia con Scardoni, il giovane trentino figlio d’arte, Matteo Armellini, con Mengon, il giovanissimo trevigiano Raffaele De Biasi, con Jenny Maddalozzo alle note, il fiorentino Andrea Quercioli, uno dei veterani del Trofeo, in coppia con Severino.

Nutrita la pattuglia dei “debuttanti” nel Trofeo A112 Abarth, ben otto. Tra questi Mimmo Gallione, brillante protagonista nell’edizione 1984, qui al via con Morino, ma anche il padovano Carlo Fornasiero, in coppia con Oriella Tobaldo, un altro ritorno dal Trofeo A112 Abarth del 1985. Nel “Team Droandi” ci sarà anche il secondo dei fratelli aretini, Ivo in coppia con Raffaele Gallorini. Gli altri “deb” sono il senese Rodolfo Cosimi, il vicentino Manuel Mettifogo, i fiorentini Massimiliano Fognani e Andrea Ballerini.

Particolare attenzione dell’Organizzatore nei riguardi del Trofeo, con particolari riconoscimenti realizzati in cristallo per i primi cinque della classifica assoluta.



" FESTIVAL" PORSCHE NELLA REGOLARITA SPORT

Ci sarà da lustrarsi gli occhi anche nella gara riservata alla Regolarità Sport, dove la precisione conta più della velocità, ma vedere sfilare ben undici Porsche 911 nelle varie versioni Carrera, Sc e Turbo sarà uno spettacolo nello spettacolo. Tra gli specialisti di prestigio con le coupè di Stoccarda saranno al via Christian Albertini, plurivincitore in categoria, in particolare al volante di Opel Kadett Gte, e la pattuglia di  piloti abruzzesi con Giorgio Di Felice, Francesco Macini, Silvestro Marcozzi. Da segnalare la presenza di Marco Gramenzi, noto campione delle cronoscalate, che si presenta con una Porsche 911 Sc gruppo 4, mentre il figlio Antonio, anche lui in gara, disporrà di una Porsche 911 Sc gruppo 3.



AD AREZZO, PER L’ARRIVO FINALE, SPETTACOLO PER IL PUBBLICO

Arezzo, con il centro città, e in particolare con la storica piazza Grande, palcoscenico nobile e suggestivo di partenze ed arrivi, sarà ancora una volta il cuore pulsante dell’ Historic Rally Vallate Aretine.

Le verifiche tecnico-sportive pre-gara si svolgeranno, venerdì 6 marzo, presso l’Hotel Etrusco di Arezzo, mentre la “permanence” del rally (Direzione Gara, Segreteria, Sala Stampa) sarà ubicata presso l’Hotel Continentale, epicentro di passione per i rally.

Nella serata di venerdì 6 marzo, presso l’Hotel Minerva di Arezzo, cena di gala con tutti gli equipaggi partecipanti al rally e ospiti di prestigio.

Partenze ed arrivi del 5° Historic Rally Vallate Aretine, in programma interamente nella giornata di sabato 7  marzo, avranno sede nella splendida Piazza Grande, il salotto medievale della città.

Otto saranno le prove speciali, quattro (Portole, Rassinata, Ponte alla Piera, La Verna) da ripetere due volte, tutte su fondo asfaltato, disegnate nei dintorni di Arezzo e nelle vallate del Casentino, della Valdichiana  e della Valtiberina.

Due i Riordinamenti in  programma, uno a Bibbiena e l’altro ad Arezzo.

Imperdibile l’arrivo finale, con Piazza Grande di Arezzo che, a partire dalle ore 18.30 di sabato 7 marzo, sarà il centro di coinvolgenti iniziative in attesa della conclusione del rally, con un concerto della Filarmonica Guido d’Arezzo ed una esibizione del Gruppo Musici della Città di Arezzo.